HOME

Il 13 luglio 1985 si è svolto uno degli eventi più importanti della storia musicale recente: in contemporanea dallo stadio JFK di Filadelfia e dal Wembley Stadium di Londra si sono svolti i due concerti del Live Aid. L’evento, organizzato da Bob Gedolf (attore, attivista irlandese, cantante del gruppo Boomtown Rats) e da Midge Ure (cantautore scozzese, chitarra e voce degli Ultravox), mirava a raccogliere fondi per debellare la carestia che attraversò l’Etiopia in quegli anni.

Dal 1973 imperversava la guerra civile che portò alla caduta della Repubblica nel 1991 e che favorì la più grave crisi alimentare della storia del paese dal 1983 al 1985. Il reddito del paese è costituito per il 90% da agricoltura e per massima parte è dedicata alla produzione di caffè che non è usato per uso interno ma per l’esportazione. L’unico fattore che garantisce a un paese già di per sé povero un pareggio sulla bilancia commerciale. La carestia del 1983 fu una catastrofe che provocò più di un milione di morti e fu la causa di decenni di migrazioni forzate di popolazioni contadine verso terre più fertili.

Il Live Aid, però, non fu il primo evento benefico organizzato da Bob Gedolf e Midge Ure a favore dell’Etiopia.

Il 3 dicembre del 1984 fu pubblicata la canzone “Do they know it’s Christmas?” […]

Continua …

Riproduci video

Pata pata – Miriam Makeba

#BlackLivesMatter

Chiudiamo l’annata di “In The Mood For…” con la canzone che più di tutte può rappresentare i tempi che stiamo vivendo.
Pata pata è una canzone leggera, che fa sorridere e che ha portato alla ribalta internazionale la sua interprete, Miriam Makeba.

Denominata “Mama Afrika”, ha sempre lottato contro l’odio razziale nel suo paese, il Sudafrica, e fuori dai confini nazionali. In esilio ha parlato della segregazione in tutti gli ambiti che le permettevano di farlo.  

Ricordo “Pata pata” per essere stata una delle colonne sonore dello spettacolo di inaugurazione dei mondiali di Italia ‘90. Ad ogni modo vi consiglio di ascoltare altre canzoni di Mama Afrika in lingua Xhosha, con i tipici suoni fatti con lo schiocco della lingua sul palato.

A pochi giorni dalla sua nascita, Miriam è costretta a fare i conti con le regole imposte dalle leggi dell’apartheid. Sua madre venne incarcerata perché non era permesso alle persone di colore produrre alcolici fatti in casa. La popolazione nera era così sottopagata e sfruttata che suo padre non riuscì a pagare la cauzione di sole 18 sterline per sua moglie e sua figlia neonata.

Continua la lettura…

Differenzofobia

La destra europea vuole scongiurare il pericolo di una “propaganda gender” nelle scuole.Ma è con l’accusa di propaganda che spesso se ne nasconde un’altra, la propria. Oltre a essere infondato, questo timore rischia di esacerbare conflitti sociali che lentamente emergono proprio perché si allarga la possibilità di esprimersi di intere categorie di persone finora inascoltate. ... Leggi tutto

La speranza totalitaria

Secondo il filosofo tedesco Karl Loewith (1897–1973) le moderne filosofie della storia, da quella hegeliana a quella marxista, non sono altro che la secolarizzazione, ovvero la traslazione in senso materialistico, dell’interpretazione biblica della storia. In altre parole, secondo lo studioso ad un’aspettativa di salvezza al termine di questa vita fatta di sofferenze, tipica della teologia ... Leggi tutto

L’uomo con il garofano rosa

Collo taurino, sguardo sicuro, mani vigorose. Il portamento fiero, di chi è consapevole di essere importante, e l’abito rosso fanno pensare che questo personaggio sia un magistrato veneziano. Il berretto e la stola, ossia la striscia di tessuto nero sul petto, erano infatti utilizzati in laguna per indicare maturità e importanza ed erano indossati dai ... Leggi tutto

La farsa dell’integrità del voto per chi ha perso

Dopo le dichiarazioni dell’ex presidente degli Stati Uniti in preda al vittimismo cospirazionista, i repubblicani, in questi primi mesi del 2021 hanno iniziato, dove avevano i numeri per farlo, a restringere il diritto di voto in diversi stati dell’unione. Secondo il Brennan Center for Justice, centro studi di legge e politica presso l’Università di new ... Leggi tutto

Avviso a tutti i viaggiatori...

Questo sito è privo di pubblicità. Non guadagnamo dai vostri dati personali e non abbiamo intenzione di minare i vostri dispositivi per produrre bitcoin.

I contenuti sono di libero accesso a tutti e sotto la tutela Creative Commons.

Il progetto, seppur libero, ha bisogno del vostro sostegno e di finanziatori generosi. Il sito rispetta tutte le categorie protette, dallo studente fuorisede squattrinato al disoccupato. Loro avranno il compito molto più importante di farci conoscere e di portare il verbo errante oltre i confini dell’etere.

Grazie a tutti.