HOME

Esiste una parte della guerra che è difficile definire. Non si fa con le armi, non ha bisogno di militari, apparentemente non miete vittime e non di strugge case, monumenti e non sfolla milioni di persone. Guerra fatta di informazione, disinformazione e propaganda sfrenata a colpi di censura.

Si tratta di qualcosa con cui abbiamo imparato (forse non ancora) a convivere. Ogni volta che sentiamo una notizia, arriva sui nostri telefoni la smentita a quello che avevamo appena sentito con tanto di video manipolato, e le ragioni del perché quello che abbiamo visto e letto pochi minuti prima è tutta una montatura.

Così lo schiaffo di Will Smith alla notte degli Oscar diventa una messinscena. La prova è un video sgranato, nell’era del video ad altissima definizione, che dimostrerebbe che Chris Rock, lo schiaffeggiato, avesse una protesi al silicone sulla guancia che attutisse l’impatto del ceffone.

Continua …

Riproduci video

Peter Gabriel. Us.

Uno degli album più famosi e ascoltati di Peter Gabriel è probabilmente So. Lo scopo dello scrivente è quello di dare valore a uno dei lavori successivi dell’artista, il sesto uscito nel lontano 1992. Us è un album intimo e rappresenta quello che per Gabriel è la metafora delle relazioni tra le persone, tra lui e le donne, tra lui e il sesso opposto.

Il progetto musicale viene messo su in un momento molto delicato della sua vita: sta per divorziare e affronta un difficile momento con sua figlia.

Gli anni ’90 sono rappresentati dall’affermarsi del grunge che rivoluziona gli orpelli degli anni ’80 eliminando effetti, sintetizzatori e tastiere e affermando il ruolo politico dell’artista contro l’establishment al potere in quegli anni.

Quello che Peter Gabriel costruisce in quest’album è un qualcosa di diverso, senza eccessi, ma molto elaborato.

Se nella scena grunge l’essenzialità di chitarra, basso e batteria riducono al minimo, distorcono e rendono tutto meno piacevole all’orecchio (solo per chi non è capace di capirne il messaggio), il progetto musicale di Peter Gabriel e del coproduttore Daniel Lanois è… […]

Continua…

Bollettino Errante n.11

Una sola famiglia può fare molti danni Da giorni la popolazione dello Sri Lanka chiede le dimissioni del Presidente in carica Gotabaya Rajapaksa e dei suoi fratelli che occupano diversi dicasteri all’interno del governo singalese; dieci in tutto. Da giovedì, 7 aprile, le autorità hanno imposto il coprifuoco e la situazione sembra peggiorare sempre di ... Leggi tutto

Una strada da ritrovare

Di un incontro in Val Zebrù Il fine della conoscenza non è altro se non la conoscenza stessa. Era l’ennesima volta che si trovava ad affrontare un trasloco. Tutta colpa del suo lavoro. Nel senso che spesso la paga tardava ad arrivare, e ciò aveva varie ricadute, in primis sull’affitto. Da lì, nuovo lavoro e ... Leggi tutto

Referendum

Il voto che cambia il mondo Restano 8 ore e 30 minuti allo scadere del tempo.   Poi tutto cambierà.   Mi hanno preparato alle decisioni rapide e irrevocabili, per anni.  Ma quando lo devi fare per la prima volta, non è mai come ti aspetti.   La prima volta è tutto annebbiato, la saliva si prosciuga e ... Leggi tutto

LISERGICA – Tre piani – Eshkol

Casa editrice: Neri PozzaAnno pubblicazione: 2015 (2017 ed. italiana)Genere: Romanzo L’autore Eshkol Nevo è uno scrittore israeliano nato a Gerusalemme nel 1971. Il suo debutto letterario risale al 2001, con una raccolta di racconti. Di formazione, è laureato in psicologia, ed all’inizio della sua carriera lavorativa è un pubblicitario; abbandona dopo 8 anni questa strada, ... Leggi tutto

Avviso a tutti i viaggiatori...

Questo sito è privo di pubblicità. Non guadagnamo dai vostri dati personali e non abbiamo intenzione di minare i vostri dispositivi per produrre bitcoin.

I contenuti sono di libero accesso a tutti e sotto la tutela Creative Commons.

Il progetto, seppur libero, ha bisogno del vostro sostegno e di finanziatori generosi. Il sito rispetta tutte le categorie protette, dallo studente fuorisede squattrinato al disoccupato. Loro avranno il compito molto più importante di farci conoscere e di portare il verbo errante oltre i confini dell’etere.

Grazie a tutti.