HOME

  • Cronache di Vaffambaffola - Capitolo 12.1 - I soliti ignoti

L'insostenibile crescita del PIL

Ingenue riflessioni sotto forma di domande

In odore di apocalisse ambientale, ma in realtà da quando questa era solo un presagio di Cassandra, i termini e le espressioni legate a una tendenza naturalista e salutista sono entrati nel linguaggio comune: “Biologico”, “sostenibile” o “naturale” tra quelli più noti.
Da par suo, l’impianto produttivo e commerciale non poteva restare a guardare di fronte alle nuove conquiste del senso comune e ha farcito di sigle climate-friendly le sue merci e i relativi annunci pubblicitari. Va da sé che anche il jet-set politico si è dovuto adeguare introducendo nelle proposte elettorali e nei comizi locuzioni come “sviluppo sostenibile” o “politica verde”, accanto ai grandi classici come “progresso”, “crescita” e “PIL”.
Esistono veri e propri partiti, in tutta Europa, che si rifanno al salutare e speranzoso colore delle foglie.

Ma a parte questo, per il resto ci troviamo di fronte a una profonda contraddizione…

Continua …

Per la colonna sonora di ErrareUmano di questo mese abbiamo scelto una canzone che, se ascoltata appena svegli, magari di domenica mattina, rallegrerebbe la giornata di chiunque.

Tutti e tutte l’abbiamo ascoltata almeno una volta nella vita, e almeno una volta fischiettata mettendola in testa in maniera irreversibile a chi ci stava intorno.

Ma, come spesso succede, dietro un tormentone sempreverde c’è una storia fatta di tradizione, cultura e contaminazione. “La cucaracha” non fa eccezione.

Continua a leggere…

Cronache di Vaffambaffola – Capitolo 12.1

Nel tranquillo e operoso villaggio di Vaffambaffola, un evento inaspettato stravolge la giornata di due contadini, Sigfrido e Lon: viene proclamata una grande cerimonia in onore del Sommo Poeta e da quelle parti passa un viandante dall'aria polverosa e malandata che chiede del Palazzo di Pidaar. I due potevano farsi gli affari loro, come il contadino sperava, ma la sorellina vuole vederci chiaro e corre dietro al viandante. Peccato che sembra sia scomparso nel nulla. Frido e Lon, così, vengono a conoscenza di cose del passato di Vaffambaffola che ignoravano, e altre ne dovranno scoprire cercando la Pidaarica Historia, cronaca ufficiale di quando Vaffambaffola era un regno, scomparsa insieme al suo celebre e nebuloso autore.

Terry Jones e il senso di una vita

“Due sono andati, ne restano quattro”.  Questo è il senso del tweet scritto da John Cleese per commemorare l’amico Terry Jones, scomparso recentemente.  Una frase autoriferita, se ci ricordiamo che lo stesso durante il funerale di Graham Chapman, primo Python scomparso nel 1989, lo ricordò con la stessa formula “uno è andato, ne restano cinque”.  Dei sei comici inglesi, Cleese è sempre stato quello apparentemente ... Leggi tutto Terry Jones e il senso di una vita

Ti ricordi di Updike?

L'incontro tra diversi modi di fare poesia. Uno ci ha accompagnato insegnandoci a "nuotare nell'aria" e l'altro si insinua nelle ambiguità e contraddizioni della classe media americana protestante. I Marlene Kuntz incontrano John Updike nelle #NoteAMargine di questo mese, miscelati come consueto da Annarita N.

La Gilda delle Mercantesse – Parte 4 di 4

In fuga da Usma ttanagliate da continui controlli, le mercantesse si risolsero a fuggire in fretta e furia, per quanto si possa fuggire in fretta e furia con una carovana composta di mule, cavalli e un centinaio tra donne, merci e prole. A poche migliaia di ruote di distanza dalle mura di Usma, le diverse ... Leggi tutto La Gilda delle Mercantesse – Parte 4 di 4

Avviso a tutti i viaggiatori...

Questo sito è privo di pubblicità. Non guadagniamo dai vostri dati personali e non abbiamo intenzione di minare i vostri dispositivi per produrre bitcoin.

I contenuti sono di libero accesso a tutti e sotto la tutela Creative Commons.

Il progetto, seppur libero, ha bisogno del vostro sostegno e di finanziatori generosi. Il sito rispetta tutte le categorie protette, dallo studente fuorisede squattrinato al disoccupato. Loro avranno il compito molto più importante di farci conoscere e di portare il verbo errante oltre i confini dell’etere.

Grazie a tutti.