HOME

  • #8 Note a Margine - Beethoven, la Nona Sinfonia e l’Inno alla Gioia (prima parte)

L'insostenibile crescita del PIL

Ingenue riflessioni sotto forma di domande

In odore di apocalisse ambientale, ma in realtà da quando questa era solo un presagio di Cassandra, i termini e le espressioni legate a una tendenza naturalista e salutista sono entrati nel linguaggio comune: “Biologico”, “sostenibile” o “naturale” tra quelli più noti.
Da par suo, l’impianto produttivo e commerciale non poteva restare a guardare di fronte alle nuove conquiste del senso comune e ha farcito di sigle climate-friendly le sue merci e i relativi annunci pubblicitari. Va da sé che anche il jet-set politico si è dovuto adeguare introducendo nelle proposte elettorali e nei comizi locuzioni come “sviluppo sostenibile” o “politica verde”, accanto ai grandi classici come “progresso”, “crescita” e “PIL”.
Esistono veri e propri partiti, in tutta Europa, che si rifanno al salutare e speranzoso colore delle foglie.

Ma a parte questo, per il resto ci troviamo di fronte a una profonda contraddizione…

Continua …

Riproduci video

Per la nostra colonna sonora abbiamo scorto un filone di canti di resistenza e abbiamo deciso di seguirlo anche questo mese.

A ricorrere non è solo il tema, ma anche la lingua spagnola, anche se più che di rivoluzione, come nel caso del Messico, questa volta si tratta di guerra civile spagnola e di franchismo.

La canzone, presente in decine di versioni e interpretazioni, affonda le sue radici nell’estro creativo e militante di Chico Sanchez Ferlosio.

Figlio di integranti del regime franchista, Ferlosio incide nel 1963, in Svezia e in maniera anonima, la prima versione della canzone che potete ascoltare in sottofondo (se avete cliccato play prima di cominciare a leggere, chiaro).

Secondo la fonte a cui ci siamo attenuti, spagnola e filorepubblicana, la canzone rispecchia la gioventù del compositore, svoltasi nella clandestinità tra le file del Partito Comunista di Spagna. In effetti, il testo allude alla valorosa lotta e resistenza del gallo rosso nei confronti del gallo nero, già di suo grande e potente.

Il testo della canzone, divenuta popolare e simbolo di numerose fazioni e movimenti antiregime, ha un finale aperto: il gallo rosso non si arrende finché non è morto. Che sia ancora attuale il suo monito?

Beethoven, la Nona Sinfonia e l’Inno alla Gioia: Tutti gli uomini diventano fratelli (prima parte)

Quest’anno si celebra il 250° anniversario dalla nascita di Ludwig van Beethoven. Noi di ErrareUmano vogliamo celebrarlo a modo nostro, come meglio sappiamo fare, ovvero attraverso la scrittura. Festeggiamo insieme questo compleanno tramite una delle sue opere più importanti, che ha lasciato un segno indelebile nella nostra cultura: la Sinfonia n. 9 in Re min.

La leggenda di Cristalda e Pizzomunno

#7 Note a Margine Prologo “Le tradizioni orali fanno la loro comparsa quando vengono riferite. Per momenti fugaci possono essere ascoltate, ma il più delle volte esse dimorano nella mente delle persone”. Jan Vansina, storico belga. Raccontami una storia, leggimi una storia… Frasi spesso pronunciate dalla bocca di bambini, ma cos’è davvero una storia? E ... Leggi tutto La leggenda di Cristalda e Pizzomunno

All’ombra dell’occhio del potere è la collaborazione a prevalere

Non si può dire che sia semplice dar sfogo alle proteste se ci si trova in Cina. Le migliaia di telecamere di sorveglianza e la Muraglia del “Great Firewall of China” ha dato prova della sua pervasività ed efficacia nei confronti di chi dissente (ne abbiamo parlato nel Bollettino Errante n.5). Però ad Hong Kong ... Leggi tutto All’ombra dell’occhio del potere è la collaborazione a prevalere

Un muro di pietra

Non puoi andare in un locale qualsiasi e ballare con chi ti piace. Bisogna essere cauti nel mostrarsi interessati ad un’altra persona, soprattutto se quest’altra persona è del tuo stesso sesso. Nel 1969 non sta bene. E’ un comportamento a dir poco deplorevole. Questa è l’aria che si respira. E di tuo padre e di ... Leggi tutto Un muro di pietra

Avviso a tutti i viaggiatori...

Questo sito è privo di pubblicità. Non guadagniamo dai vostri dati personali e non abbiamo intenzione di minare i vostri dispositivi per produrre bitcoin.

I contenuti sono di libero accesso a tutti e sotto la tutela Creative Commons.

Il progetto, seppur libero, ha bisogno del vostro sostegno e di finanziatori generosi. Il sito rispetta tutte le categorie protette, dallo studente fuorisede squattrinato al disoccupato. Loro avranno il compito molto più importante di farci conoscere e di portare il verbo errante oltre i confini dell’etere.

Grazie a tutti.