L’estrazione dell’otto

Quel che vien poscia lo sette,
testa grande, pancia piena,
rimbalzava senza smette’
sulla mia povera schiena.


Come foglia d’insalata
colta in fallo dentro l’orto,
saltò fuori imbarazzata
ché per lei ci scappò il morto.


Fuggì via di dentro l’urna,
l’aer non era certo calmo,
ma alla luce, quella diurna,
un bastone prese in palmo
e si finse signorotto,
con bombetta e un bel panciotto.


Sì, da puro e sempliciotto,
trasformossi in un diciotto.

Cicciomede

5 1 vote
Article Rating
Segnalami i commenti che vorrei seguire.
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x